capodannovicenza.com - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno a Vicenza e provincia

Info e Prenotazioni:

Scrivici info@capodannovicenza.com

La storia di Vicenza

La storia della città di Vicenza rivive ancora nei bellissimi monumenti

Storia di VicenzaLa storia di Vicenza risale al 2° - 3° secolo a.C. , con la tribù Euganei e la tribù Paleo-Veneti.

 

In quel tempo i romani si allearono con i Paleo-Veneti nella loro lotta contro le tribù celtiche che popolavano il nord-ovest dell'Italia.

 

La presenza romana nella zona è cresciuta in modo esponenziale nel corso del tempo e i Paleo-Veneti sono stati gradualmente assimilati. Nel 157 aC, la città era un centro romano a cui è stato dato il nome di Vicetia o Vincentia, che significa "vittorioso".

 

Durante il declino dell'Impero Romano d'Occidente, Heruls, Vandali, Visigoti Alarico e gli Unni hanno devastato l'area, ma la città ha recuperato dopo la conquista ostrogota nel 489 dC, prima di passare al dominio bizantino subito dopo.

 

Nel 899, Vicenza è stata distrutta dai predoni Magiari, mentre nel 1001 Ottone III ha consegnato il governo della città al vescovo.

 

Vicenza passò sotto il dominio di Venezia nel 1404 e da lì in poi la sua storia diventa quella di Venezia. Fu assediata dall'imperatore Sigismondo e Massimiliano I la tenne in suo possesso tra il 1509 e il 1516.

 

Il 16° secolo è stata la volta di Andrea Palladio, che ha lasciato molti esempi eccezionali della sua arte tra i monumenti di Vicenza, con palazzi e ville che troviamo ancora oggi.

 

Dopo il 1814, Vicenza passò all'Impero Austriaco. Nel 1848, tuttavia, la popolazione insorse contro l'Austria più violentemente che in qualsiasi altro centro italiano, insieme con Milano e Brescia (la città avrebbe ricevuto il più alto riconoscimento al valor militare per il coraggio dimostrato dai rivoluzionari in questo periodo).

 

Come parte del Regno Lombardo-Veneto, fu annessa all'Italia dopo la terza guerra di indipendenza italiana.

 

La zona di Vicenza è stata luogo di grandi combattimenti nelle due guerre mondiali ed è stata la città più danneggiata nel Veneto. Le vittime civili sono state oltre 2.000.

 

Dopo la fine della seconda guerra mondiale seguì un periodo di depressione. Dal 1960 in poi, in tutta la parte centrale del Veneto sorsero diversi business familiari che diedero vita a quello che sarebbe stato conosciuto come il "Miracolo del Nordest".

 

Negli anni successivi, lo sviluppo economico è cresciuto vertiginosamente e sono nate diverse aree industriali.

publisher
back to top